News

Economia, Giovani, Impresa e Industria, StartUp

/ 29.6.2018

Finale Network Incubatori e Parchi Scientifici e Tecnologici – PGM8

 

Si è chiusa ieri alla Microsoft House di Milano la prima tappa dell’ottava edizione del Premio Gaetano Marzotto.
32 i percorsi di affiancamento offerti dal Network Incubatori e Parchi Scientifici e Tecnologici partner del Premio ad altrettante startup provenienti da tutta Italia per un montepremi dal valore complessivo di oltre un milione di euro.
L’appuntamento è stato realizzato in collaborazione APSTI – Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani, Italia Startup – Associazione italiana delle startup e Microsoft.

Milano, 28 giugno 2018 – Ieri nella sede 4.0 firmata da Herzog & De Meuron di Microsoft Italia a Milano si è tenuta la Finale del Network Incubatori e Parchi Scientifici e Tecnologici dell’ottava edizione del Premio Gaetano Marzotto, che ha visto assegnare a 32 startup italiane i percorsi di affiancamento messi in palio dai partner del Premio. Ad aprire l’incontro Barbara Cominelli, COO di Microsoft Italia, che ha dichiarato: «Siamo felici di contribuire al Premio Gaetano Marzotto con il Microsoft Special Prize, che consente alla startup vincitrice di accedere a Microsoft for Startups, il programma che offre supporto tecnologico e consulenziale alle imprese innovative con un investimento complessivo di 500 milioni di dollari. Condividiamo con il Premio Marzotto valori e obiettivi: solo attraverso il sostegno alle nuove imprese possiamo infatti promuovere la crescita e la competitività del nostro Paese nel mondo», insieme a Cristiano Seganfreddo, direttore di Progetto Marzotto, che nel presentare i vincitori ha affermato: «Gli incubatori e acceleratori italiani sono luoghi di futuro sparsi a macchia di leopardo nelle provincie italiane. Mantengono una propensione di ricerca e di ispirazione fondamentale, non solo per i giovani imprenditori ma per il territorio e per i giovani e le piccole imprese di quei luoghi. Sono luoghi di resistenza attiva. Oggi la sfida è globale e sempre più puntuale. Con questa edizione del Premio abbiamo trovato maggior qualità e consapevolezza. Non solo semplici idee o trovate, ma vere e proprie aziende che devono crescere e svilupparsi nel mercato».
Air/Milano, Bettery/Bologna, BluGear/Milano, Braimage/Bologna, COLUMBUS’ EGGTM/Piacenza, Demeter.life/Foggia, DueDiLatte/Pisa, Easy Tax Assistant/ Milano, Epoché/Napoli, EXTRAVITIS/Milano, FALLENG/Cremona, Fili Pari/Bergamo, FLEEP/Milano, FNX Project/Torino, Fritrak/Taranto, HERACLEX/Ancona, Hexagro Urban Farming/Milano, HYPE Biotech/Bologna, Kaitiaki/Gorizia, Indigo AI/Milano, Mekello/Vicenza, Moveo/Padova, Namu/Milano, OCORE/Palermo, Packtin/Reggio Emilia, Phononic Vibes/Milano, ProntoPro/Milano, Revotree/Roma, Scenico/Trieste, SpeX/ Roma, TOMMI/Roma, Virtuoso/Cagliari ,  sono i vincitori di questa primo step del Company Idea Prize, che andranno ora a concorrere per il grant da 50.000 mila euro offerto da Progetto Marzotto, con annuncio il prossimo 22 novembre a Roma.
Da una prima analisi della selezione, la Lombardia risulta la regione più premiata con dodici startup vincitrici; seguono Emilia Romagna con cinque vincitori; Lazio con tre vincitori; Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Puglia e Veneto con due vincitori e infine Campania, Marche, Sardegna e Sicilia con un vincitore. Un dato che trova riscontro anche su grande scala, quando a chiusura bando, il 14 maggio scorso, tra le oltre 600 application al Premio, la Lombardia svettava per il maggior numero di startup iscritte. Bio/Med/Life Science/Health Care è il settore di riferimento con più partecipazioni, otto; a seguire, ICT/IOT Tech con sette adesioni; sei le startup afferenti a Agro/Food Tech e a Social Innovation; quattro quelle pertinenti a Clean/ Energy Tech; tre quelle che rientrano in Fin/Reg Tech e New Materials; due quelle relative a Auto/Moto Tech, Bulding/Real Estate Tech, Fashion/Forniture/Design Tech, Industry 4.0 e Transportation/Logistic; infine, Entertainment/Education, Media/Publishing Tech e Sport Tech con un’adesione. Anche in questo caso si confermano i dati rilevati alla chiusura del bando, che ha visto Health Care e Agro/Food Tech in testa tra gli ambiti di competenza. L’età media dei team partecipanti riscontrata per questa categoria di concorso, Company Idea Prize, è di 36 anni, contro i 38 del Company Prize.
L’appuntamento ha visto anche la partecipazione di Federico Barilli, Segretario Generale di Italia Startup, che ha dichiarato: «Ci fa piacere, dopo 5 anni di collaborazione, riscontrare che il coinvolgimento sia dei centri di innovazione italiani che delle startup selezionate sia molto consistente. Sappiamo quanto sia importante e delicata questa fase di
prima accelerazione delle giovani imprese innovative italiane e quanto possa essere decisivo il ruolo di chi le accompagna nel percorso di crescita. Il Premio in questo senso svolge un compito molto prezioso e facilita l’incrocio sul territorio tra soggetti abilitanti e startup innovative» e di Gianluca Carenzo, Presidente APSTI, che ha affermato: «Per lo sviluppo delle startup i luoghi dell’innovazione – parchi scientifici e poli tecnologici – sono fondamentali perché consentono di poter beneficiare in un solo contesto di competenze, infrastrutture tecnologiche all’avanguardia e network di eccellenza. Fare trasferimento tecnologico è la base per costruire un ecosistema dell’innovazione sostenibile ed è la dimostrazione che è possibile farlo anche in Italia», entrambi partner dell’evento.
L’evento è stato reso possibile grazie al generoso supporto degli incubatori e parchi scientifici tecnologici che affiancano il Premio, che quest’anno ha raccolto alcuni nuovi ingressi come Day One/Roma, Galileo Visionary District/Padova, Gellify/Casalecchio di Reno, Bologna; oltre alle conferme di: AlmaCube/Bologna, Bioindustry Park/Colleretto Giacosa (TO), Campania NewSteel/Napoli, CesenaLab/Cesena, ComoNExT/Lomazzo (CO), Consorzio Arca/Palermo, Digital Magics/Milano, FabriQ/Milano, Fashion Technology Accelerator/Milano, Fondazione Filarete/Milano, Friuli Innovazione/Udine, H-FARM/Roncade (TV), I3P/Torino, Impact Hub/Milano, JCube/Jesi (AN), Kilometro Rosso/Bergamo, LUISS ENLABS – LVenture Group/Roma, Make a Cube3/Milano, M31/Padova, PoliHub/Milano, Polo Meccatronica/Rovereto (TN), Progetto Manifattura/Rovereto (TN), Romagnatech/Faenza (RA), SELLALAB/Biella, SocialFare/Torino, Talent Garden/Milano, The Net Value/Cagliari, TIM #WCAP/Roma e Toscana Life Sciences/Siena.
Margherita Marzotto, Presidente di Progetto Marzotto ha chiuso l’incontro, dichiarando: «Con il contributo di molti si è aperto un varco nel mondo del lavoro: quello che sembrava un’utopia, un sostegno delle grandi o nuove imprese alle piccole startup è una realtà viva e diffusa, con progetti spesso volti a creare maggiore benessere e sicurezza. Si moltiplicano le opportunità per i giovani più motivati e preparati. Auspico con calore che questa strada ci porti in una direzione opposta alla “fuga di cervelli”, verso un’Italia più vivibile».
Prossime tappe, il 25 ottobre 2018 all’OpenZone di Zambon a Bresso, Milano, per la finale del Premio Speciale Corporate Fast Track dedicato ai percorsi di open innovation del Premio e il 22 novembre 2018 a Roma per la finale di questa ottava edizione.

Premio Gaetano Marzotto è un’iniziativa ideata e promossa da Associazione Progetto Marzotto, con durata decennale. Progetto Marzotto nasce per creare, attraverso una serie di azioni diversificate, un nuovo tessuto sociale (www.progettomarzotto.org). Premio Gaetano Marzotto ne è un’appendice, con l’obiettivo di individuare e promuovere lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali, in grado di rispondere a criteri di sostenibilità economicofinanziaria e generare al tempo stesso benefici concreti per il territorio italiano, in primis occupazionali.

Premio Gaetano Marzotto gode del Patrocinio di: Presidenza del Consiglio, Agenzia per l’Italia Digitale 
 Presidenza del Consiglio, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Presidenza del Consiglio, Ministero dello Sviluppo Economico
 ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane CRUI – Conferenza dei Rettori delle Università Italiane

Il Premio è realizzato con la partnership di Accenture, Amazon Launchpad, Amazon Web Services, Cisco, Copernico, CUOA Business School, Engineering Ingegneria Informatica, EY, illycaffé, Invitalia, Italcementi | HeidelbergCement Group, Marzotto Venture Accelerator, Microsoft, Orange1 Holding, QVC Italia, Repower, Santa Margherita Gruppo Vinicolo, SANTEX RIMAR GROUP, Selle Royal Group, UniCredit Start Lab, ZCube – Zambon Research Venture. E con il supporto di AIFI – Associazione Italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt, Capitol One, Copernico, Giovani Imprenditori Confindustria, IAG – Italian Angels for Growth, Jacobacci & Partners, Nuvolab, Startupbusiness, StartupItalia!

 

Precedente

Open Accelerator Call for Projects 2018

Successivo

Il video della finale del Network Incubatori e Parchi Scientifici e Tecnologici