News

Agricoltura, Food & Beverage, StartUp, Tecnologia (Prodotto), Università

/ 13.11.2015

ProXentia tra i 5 progetti in finale per il “Premio dall’idea all’impresa” 2015

In avvicinamento alla serata della finale il Premio Gaetano Marzotto, la più importante competition italiana dedicata al mondo delle startup e dell’innovazione, che mette in palio un montepremi di oltre 1 milione di euro, presenta le singole storie dei finalisti, ecco l’ottava delle 10.


ProXentia tra i 5 progetti in finale per il “Premio dall’idea all’impresa” 2015

 

L’azienda milanese, che ha brevettato un sistema di controllo qualità per la filiera agro-alimentare, sarà tra i finalisti protagonisti della serata di Premiazione il giorno 26 novembre 2015 a Milano presso UniCredit Pavilion

 

A questo link è disponibile la scheda della startup ProXentia

 Qui la lista completa dei finalisti e a questo link la pagina dedicata alla serata finale di premiazione

 Twitter hashtag #premiomarzotto e #marzottostories

 

Milano, 13 novembre 2015 – Il mercato mondiale dei test per la sicurezza dei prodotti destinati all’alimentazione umana è stimato tra i 2 e i 3,5 miliardi di dollari. ProXentia – realtà imprenditoriale nata come spin-off dell’Università degli Studi di Milano – intende rivoluzionare il sistema di controlli rapidi per tre settori chiave, ovvero vino, latte e cereali. La startup, fondata da sette soci tra cui il novarese Matteo Salina, si è così aggiudicata un posto tra i 5 finalisti del Premio Gaetano Marzotto 2015 candidati a vincere il “Premio dall’idea all’Impresa”, che prevede 50.000 euro in denaro e 20 periodi di residenza e affiancamento per un valore complessivo di 680.000 euro.

Frutto del lavoro di diversi anni di ricerca e sviluppo generata da un’intuizione scientifica nata nel 2006, la mission di ProXentia è di sviluppare una linea di prodotti da utilizzarsi direttamente nei luoghi di produzione o stoccaggio e con minimo intervento dell’operatore, in modo da fornire informazioni su aspetti chiave legati a sicurezza e qualità delle produzioni delle filiere agroalimentari.

Un’idea nata dall’osservazione del quotidiano di tante aziende agroalimentari italiane: ad ogni arrivo in piazzale del veicolo di un fornitore, ProXentia propone uno strumento semplice, di facile utilizzo ed in grado di restituire una “carta d’identità” del prodotto trasportato. Un’innovazione che guarda a un settore in forte crescita (stimata tra il 7% ed il 10% annuo), spinto dal continuo innalzamento degli standard normativi e da una sempre maggiore sensibilizzazione dell’utente finale, testimoniata e amplificata dalla forte risonanza mediatica ottenuta dei sempre più frequenti allarmi relativi a casi di contaminazioni o adulterazioni.

Il principio di rilevazione sul quale si basano i prodotti ProXentia è la tecnologia proprietaria RPI (Reflective Phantom Interface), nata dall’unione di competenze che vanno dall’alta tecnologia nel campo dell’ottica e dei materiali avanzati fino alle nuove tecniche bio-sensoristiche. La “superficie fantasma” lavora su una serie di materiali invisibili in acqua, sfruttando la riflessione della luce che permette di rilevare singoli strati delle molecole che aderiscono all’interfaccia tra i materiali ed un qualsiasi fluido acquoso.

ProXentia realizza una linea composta da tre elementi: Il lettore – un dispositivo leggero con un ingombro analogo a quello di un cellulare – un set di cartucce monouso – che permettono la rilevazione e la quantificazione dei diversi parametri del campione analizzato – ed infine un software per smartphone, tablet o laptop. Dopo venti minuti dall’inserimento della cartuccia, il lettore invia i risultati direttamente sull’app collegata in remoto.

Nel lungo periodo, la disponibilità capillare all’interno delle aziende della filiera agroalimentare di un dispositivo in grado di effettuare in modo rapido test diagnostici ad ampio spettro nelle fasi cruciali dei processi produttivi potrà permettere di minimizzare i tempi di reazione di fronte a potenziali contaminazioni, di controllare in modo sistematico le materie prime in ingresso e di ridurre i ricorso a trattamenti chimici. Per il consumatore e il cittadino questo significa cibo più sicuro perché più controllato, più sano perché con minori residui chimici, più economico perché proveniente da una filiera meno esposta ai rischi legati a contaminazioni e pandemie. Il progetto si pone inoltre come un importante strumento di aggregazione per aziende d’eccellenza del territorio, assieme alle quali si sta componendo una fitta rete di partner industriali e accademici.

ProXentia è stata, inoltre, selezionata per il premio Unicredit Start Lab, rivolto ad almeno una startup per ciascuna delle categorie Premio per l’impresa e Premio dall’idea all’impresa, e che prevede per i vincitori l’inserimento in percorsi di affiancamento per un valore totale di 150.000 mila euro. La startup vincitrice sarà affiancata da un mentor scelto tra professionisti, consulenti, imprenditori, partner di UniCredit sull’innovazione e da un “relationship manager” per seguire le esigenze bancarie, oltre a ricevere un accesso diretto alla Startup Academy e a un programma di coaching dedicato.

 

Il Premio Gaetano Marzotto, promosso e ideato da Associazione Progetto Marzotto, ha durata decennale. Il Progetto Marzotto nasce per creare, attraverso una serie di azioni diversificate, un nuovo tessuto sociale (www.progettomarzotto.org), il Premio Gaetano Marzotto ne è un’appendice, con l’obiettivo di individuare e promuovere lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali, in grado di rispondere a criteri di sostenibilità economico-finanziaria e generare al tempo stesso benefici concreti per il territorio italiano, in primis occupazionali.

 

 

Premio Gaetano Marzotto è un’iniziativa promossa da Associazione Progetto Marzotto
Con il patrocinio di

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Presidenza del Consiglio, Agenzia per l’Italia Digitale 

Presidenza del Consiglio, Ministero dello Sviluppo Economico

CNA – Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa
CRUI – Conferenza dei Rettori delle Università Italiane

Padiglione Italia Expo 2015
Unioncamere 


Con Italia Startup come main partner, CLN Group, Santex Rimar Group, Santa Margherita come partner per i Premi Corporate è realizzato in collaborazione con: UniCredit Start Lab, Fondazione CUOA, Jacobacci&Partners, Italian Angels for Growth, Startupbusiness.          

Precedente

Sia Aerospace “RTF-27.C” tra i 5 progetti in finale per il “Premio dall’idea all’impresa” 2015

Successivo

Amiko tra i 5 progetti in finale per il “Premio dall’idea all’impresa” 2015